Salta al contenuto principale Salta al menu principale

Politiche abitative - misure di sostegno

Le competenze dell’Ufficio Politiche Abitative riguardano l'assegnazione di alloggi di edilizia sociale pubblica tramite Bando Generale e/o tramite assegnazioni in Emergenza Abitativa, l'emissione di provvedimenti di decadenza dall’assegnazione dell’alloggio, interventi diretti a favorire l’esercizio del diritto all’abitare . Diverse sono le possibilità offerte dal Comune di Biella per la soluzione del problema abitativo che spaziano dall’utilizzo del patrimonio di edilizia sociale ad interventi economici di aiuto per il reperimento di alloggio sul libero mercato. E’ possibile rivolgersi allo Sportello Politiche Abitative per i servizi relativi agli alloggi di edilizia sociale, all'agenzia Sociale per la locazione (contributo ASLO - contratto concordato) e al Fondo Nazionale per i Morosi Incolpevoli (contributo FIMI).

SEZIONE BANDI

FONDO SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE – ANNUALITA’ 2021

Il Fondo sostegno locazione è destinato ai cittadini residenti in Piemonte, che appartengono alle fasce economicamente più deboli, a parziale rimborso del canone di locazione regolarmente pagato per un immobile ad uso abitativo di categoria catastale A2, A3, A4, A5 e A6 il cui canone annuale, escluse le spese accessorie non sia superiore a €. 6.000,00.

QUANDO E COME SI PRESENTA LA DOMANDA

Il periodo di apertura del bando è:
dal 2 novembre 2021 al 10 dicembre 2021

La domanda deve essere presentata al proprio Comune di residenza (alla data del 2 novembre 2021). Per il Comune di Biella sono previste le seguenti modalità:

  1. se in possesso dei requisiti previsti, telefonare al numero 015/3507858 per fissare appuntamento per la consegna della domanda, presso lo Sportello Politiche Abitative – Via Tripoli 48 – 3° piano;
  2. il modulo per la domanda può essere scaricato dal sito oppure richiesto via mail a: bandolocazione@comune.biella.it. Moduli prestampati saranno disponibili al pianterreno (fuori dalla porta verde d’ingresso ai Servizi Sociali);
  3. A corredo della domanda è necessario presentare i seguenti documenti:
    1. copia del contratto di affitto, con estremi della registrazione presso l’Agenzia delle Entrate
    2. copia delle ricevute di pagamento relative ai canoni del 2021 oppure dichiarazione del proprietario o della banca in caso di bonifico bancario
    3. copia di un documento di riconoscimento del richiedente (es. carta d’identità, patente di guida, passaporto)
    4. copia del titolo di soggiorno in corso di validità (in caso di cittadini extracomunitari)
  4. All’appuntamento si dovrà arrivare con la domanda compilata in ogni sua parte e con la documentazione da allegare già fotocopiata.

CHI PUO’ PARTECIPARE?

Avranno diritto al Fondo 2021

  1. Fascia A: coloro che hanno un reddito complessivo da ISEE in corso di validità uguale o inferiore a €. 13.405,08 al netto degli oneri accessori, e incidenza del canone dovuto e corrisposto sul reddito complessivo da ISEE superiore al 14%. (ES: per reddito complessivo da ISEE pari a € 10.000,00 il canone deve essere superiore a € 1.400,00 annui);
  2. Fascia B: coloro che hanno un reddito complessivo da ISEE in corso di validità superiore a €. 13.405,08 ma inferiore a €. 25.000,00, al netto degli oneri accessori, e incidenza del canone dovuto e corrisposto sul reddito complessivo da ISEE superiore al 24%. (ES: per reddito complessivo da ISEE pari a € 20.000,00 il canone deve essere superiore a € 4.800,00 annui);

CHI NON PUO’ PARTECIPARE?

Sono esclusi da Fondo coloro che:

  • per l’intero anno 2021 risultano essere stati assegnatari di un alloggio di edilizia sociale (In caso di assegnazioni avvenute nel corso dell’anno 2021, va computato, ai fini del contributo per la locazione, soltanto l’eventuale canone di locazione corrisposto in qualità di conduttore di alloggio di edilizia privata)
  • per l’intero anno 2021 risultanto assegnatai o conduttori di un alloggio di edilizia agevolata/convenzionata realizzato con contributi pubblici da operatori privati comprese le cooperative edilizie di abitazione (In caso di assegnazioni avvenute nel corso dell’anno 2021, va computato, ai fini del contributo per la locazione, soltanto l’eventuale canone di locazione corrisposto in qualità di conduttore di alloggio di edilizia privata)
  • i beneficiari, nell’anno 2021, di contributi ASLO (con riferimento alla data di stipula del contratto) e/o FIMI (con riferimento alla data di erogazione del contributo)
  • i conduttori all’interno del cui nucleo familiare siano presenti titolari di diritti esclusivi di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili (di qualunque categoria catastale) ubicati in territorio italiano.

REDDITO DI CITTADINANZA – NOVITA’ 2021

Rispetto alle edizioni 2019 e 2020 del Fondo Sostegno alla locazione, la principale novità consiste nel fatto che il percepimento del reddito/pensione di cittadinanza (RdC) non rappresenta una causa di esclusione dall’accesso ai contributi; le nuove disposizioni ministeriale prevedono che “I Comuni, successivamente all’erogazione dei contributi, comunicheranno all’INPS la lista dei beneficiari, ai fini della compensazione sul reddito di cittadinanza per la quota destinata all’affitto”.

AMMONTARE DEI CONTRIBUTI

  1. Fascia A: Il contributo teorico riconoscibile è costituito dalla somma occorrente per abbattere il rapporto del canone sul reddito complessivo del nucleo al 14% e non può, in ogni caso, essere superiore a €.3.000;
  2. Fascia B: Il contributo teorico riconoscibile è costituito dalla somma occorrente per abbattere il rapporto del canone sul reddito complessivo del nucleo al 24% e non può, in ogni caso, essere superiore a €.2.300. Il contributo effettivo erogabile ai beneficiari è determinato da ciascun Comune capofila applicando al contributo teorico la medesima percentuale di riparto delle risorse effettivamente disponibili. L’accesso alla ripartizione di cui alla fascia B è condizionato alla integrale soddisfazione del fabbisogno delle domande di fascia A come raccolto dai Comuni. Qualora le risorse non siano sufficienti per l’integrale soddisfacimento della fascia B, esse vengono assegnate ai richiedenti in base al reddito più basso e all’incidenza del canone più alta.

Informazioni

Il calcolo del contributo sarà effettuato dai Comuni Capofila con l’ausilio di una procedura informatica messa a disposizione da Regione Piemonte.

Allegati:

Agenzie sociali per la locazione - ASLO

La Giunta regionale ha stanziato dei contributi per il sostegno alla creazione e sviluppo, laddove esistenti, di sportelli comunali denominati Agenzie sociali per la locazione (ASLO) ai quali è affidato il compito di favorire la mobilità abitativa mettendo in contatto proprietari privati di alloggi e famiglie vulnerabili, promuovendo, attraverso un sistema di incentivi, la sottoscrizione di contratti concordati ai sensi dell’art. 2, comma 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 431 a canoni inferiori a quelli praticati sul libero mercato.

Gli operatori dello Sportello forniscono la modulistica, l’elenco dei documenti da produrre e le informazioni necessarie al completamento dell’istanza. Viene di norma fissato un appuntamento per la consegna dell’istanza.
In seguito vengono eseguite le verifiche d’ufficio sull’istanza e portate alla Commissione preposta alla valutazione che si riunisce con cadenza trimestrale.

Tempi di espletamento presso lo sportello: da 20 a 30 minuti a seconda della complessità dell’istanza
Tempi di attesa per l’appuntamento di consegna istanza: da 7 a 10 giorni
Tempi per il riconoscimento/attribuzione del contributo: da 30 a 60 giorni in seguito all’istruttoria della Commissione.

N.B. Il termine di raccolta delle istanze è subordinato all’esaurimento dei fondi regionali erogati.

Per informazioni più dettagliate e per la verifica dei requisiti richiesti, rivolgersi allo Sportello Politiche Abitative

Fondo inquilini morosi incolpevoli - FIMI

Gli operatori dello Sportello forniscono la modulistica, l’elenco dei documenti da produrre e le informazioni necessarie al completamento dell’istanza. Viene di norma fissato un appuntamento per la consegna dell’istanza.
In seguito vengono eseguite le verifiche d’ufficio sull’istanza e portate alla Commissione preposta alla valutazione che si riunisce con cadenza trimestrale.

Tempi di espletamento presso lo sportello da 20 a 30 minuti a seconda della complessità dell’istanza
Tempi di attesa per l’appuntamento di consegna istanza da 7 a 10 giorni
Tempi per il riconoscimento/attribuzione del contributo: da 30 a 60 giorni in seguito all’istruttoria della Commissione

Per informazioni più dettagliate e per la verifica dei requisiti richiesti, rivolgersi allo Sportello Politiche Abitative

Sportello Casa

Logo File PDF Sportello Casa